MAGAZINE - Bimbiaroma.com

Vai ai contenuti

I soldi fanno la felicità?

Bimbiaroma.com
Pubblicato da Francesca Picchi in Famiglia · 5 Aprile 2021
Tags: FigliGenitori
Molte persone possiedono e guadagnano ingenti somme di denaro ma, allo stesso tempo, sentono che nella loro vita manchi qualcosa.
 
I soldi sono fondamentali per la sopravvivenza "fisica " dell'individuo. Senza, non si potrebbero comprare tutte qulelle cose necessarie per vivere come ad esempio il cibo, i vestiti e le medicine.

Molti studi ci mostrano come possedere ricchezze possa portare con sè molte problematiche che minano la stabilità psicologica della persona, trascinandola in uno stato di forte stress che va a ripercuotersi sul fisico della stessa creando così un circolo vizioso.

Quando si decide di avere come principale obiettivo della vita il guadagno di denaro, tutto ciò che si fa diventa "commercio", lasciando sfuggire il vero senso delle cose che finisce in secondo piano.

Si inizia così a vivere con ritmi improntati solo sul lavoro creando la necessità nell'uomo di "vivere per lavorare", beh, niente di più errato.
 
Trovare un equilibrio tra il benessere economico e quello psicologico risulta fondamentale per essere in grado di vivere una vita felice. La necessità maggiore è quella della ricerca della ricchezza interiore, quella ricchezza che ogni persona possiede ma che spesso soffoca per far fronte alla ricerca della sola ricchezza commerciale nella convinzione che il benessere economico possa portare ripetto e ammirazione da parte degli altri.

Bisogna quindi concentrarsi sulla ricchezza che si trova nelle piccole cose, quale la possibilità di poter passare del tempo con la propria famiglia, nella possibilità di spendere un pò di tempo per noi, per il nostro piacere, dimenticando la filosofia del "vivere per lavorare" adottando al suo posto quella del “lavorare per vivere”.

Nella complessa ricetta per la felicità l'ingrediente principale non è quello della ricchezza in termini economici ma quella della ricchezza in termini di libertà: libertà di essere quello che siamo e non di diventare quello che gli altri vogliono, ma soprattutto la libertà di rimanere sempre dei sognatori.

E' necessario quindi impegnarsi nella conquista di un benessere economico (assolutamente necessario), ma non lasciare che questo desiderio di conquista prenda il sopravvento sui nostri bisogni: non bisogna lasciare che tre ore in più di lavoro al giorno prendano il posto di tre ore di gioco con i nostri figlio o che i pranzi aziendali prendano il posto dei pranzi in famiglia.

Coltivare l'amore è fondamentale, più di una promozione.

Francesca Picchi

Di seguito i miei riferimenti




Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0
Bimbiaroma.com
Portale di carattere informativo
senza fine di lucro
Torna ai contenuti